Vasche da bagno in stile retrò

Vasca da bagno stule retrò

Se si desidera creare un bagno in stile con ispirazioni retrò due sono le zone focali sulle quali bisogna concentrare gli sforzi e l’attenzione: una è appunto quella della vasca da bagno

Se oggi come oggi lo stile moderno, caratterizzato da linee geometriche pure ed essenziali e dall’assenza di decorazioni e fronzoli, è di certo il più gettonato per quanto concerne l’arredo bagno, e non solo, è pur vero che sempre più spesso parlando di elementi e complementi d’arredamento ci troviamo a fare i conti con oggetti dal sapore antico, talvolta che ricalcano in tutto e per tutto quelli d’un tempo ed altre volte che ne riprendono solo alcuni dettagli per reinterpretarli poi in chiave contemporanea.

In effetti una delle ultime tendenze in fatto di interior design è proprio quella di ricreare atmosfere dal sapore decisamente retrò, magari con l’inserimento di singoli oggetti particolari che contribuiscano a dare quel tocco di eleganza e personalità al tutto, o piuttosto attraverso la cura di tutti gli elementi fin nel più piccolo dettaglio, in modo da ricreare in tutto e per tutto un arredamento in stile classico, per una casa che viva come “sospesa nel tempo”.

 

Va detto anche che comunque, sempre più spesso, gli arredi creati ad immagine e somiglianza di quelli di un tempo, seppure ne ricalcano fedelmente le linee, da un punto di vista della funzionalità, della praticità e della comodità vengono riadattati al vivere moderno con creazioni ispirate al passato, ma con un occhio sempre vigile al presente: questo talvolta non modifica più di tanto le cose, ma in alcuni casi porta invece ad una contaminazione maggiore, per cui ci si trova a fare i conti con oggetti che sono decisamente contemporanei, magari nella finitura, nella colorazione, nei materiali impiegati o nell’utilizzo in massa degli stessi, ma poi riprendono in toto o solo in parte delle linee e dei dettagli retrò, che sono proprio quelli che li rendono particolari e d’effetto.

Sembra un discorso valido per più per i locali più nobili della casa, come il living, la sala da pranzo o le camere da letto, ma in realtà anche parlando di stanze da bagno è facile trovare molte ispirazioni di tale sorta e tra tutti gli elementi presenti in questo tipo d’ambiente la vasca è di certo il primo su cui si focalizza la nostra attenzione, non solo perché è decisamente il più ingombrante e vistoso, ma anche perché risulta essere quello che forse ci permette maggior libertà espressiva e che da solo riesce a rievocare i fasti del passato.

In effetti a ben pensarci le vasche moderne rispetto a quelle d’un tempo sono profondamente diverse, mentre lavabi, wc e bidet tutto sommato sono più simili nelle dimensioni e nelle fattezze.

 

Se si desidera creare un bagno in stile con ispirazioni retrò due sono le zone focali sulle quali bisogna concentrare gli sforzi e l’attenzione: una è appunto quella della vasca da bagno, che in questi casi è sempre rigorosamente freestanding e dunque già solo per questo motivo è portata ad accentrare su di sé l’attenzione e l’altra è la zona dedicata al lavabo ed allo specchio, per la quale bisognerà trovare una soluzione d’effetto, elegante, ma al contempo piuttosto vistosa e ricercata.

Ovviamente lo stile retrò è uno stile “importante”, che ha un certo peso (non solo visivo, ma anche economico ed in molti casi persino fisico, perché si impiegano elementi e materiali molto massicci e pesanti): per cui, mai come in questo caso, per poter realizzare un bagno di questo tipo, bisogna stare molto attenti ad evitare gli eccessi per non rischiare di strafare, calibrando molto bene forme, spazi, colori, texture di ogni singolo elemento e di ogni accessorio.

Infine non bisogna dimenticare che a volte sono proprio i dettagli a fare la differenza per cui se si decide di arredare un bagno in stile bisognerà che anche le rubinetterie lo siano; ma questo in realtà è un pericolo piuttosto remoto perché in genere elementi di questo tipo vengono già proposti dalle case produttrici corredati da una serie di accessori in tono, normalmente da scegliere tra finiture dorate, piuttosto che argentate o color bronzo/rame.

 

Quando si pensa ad una vasca in stile retrò nella nostra mente si concretizza l’immagine di una di quelle vasche un po’ bombate ed appoggiate a terra per mezzo di quattro piedini molto lavorati e generalmente realizzati in ferro (o oggi in acciaio): in effetti molti dei modelli in “stile” tutt’oggi prodotti ricalcano queste fattezze, anche se magari lo fanno impiegando materiali diversi da quelli del passato, sia per la realizzazione della vasca vera e propria che per quanto concerne dettagli e finiture; anche se va detto che le proposte presenti sul mercato sono tantissime e tutte diverse.

Ad esempio il marchio Bleu Provence (http://www.bleuprovence.it), che crea elementi d’arredo e per il bagno in stile cosiddetto provenzale, è specializzato nella realizzazione di vasche da bagno dal sapore retrò, tutte rigorosamente prodotte in ghisa smaltata (come si faceva un tempo!), che possono anche essere rese più moderne con un tocco di colore da scegliere a seconda dei gusti e delle esigenze, o possono anche essere realizzate con finiture più particolari come il rame, l’alluminio o addirittura la pelle.

Ad esempio molto particolare e diversa dalle altre il modello “Eiffel”: si tratta in realtà di una vasca ovale molto semplice, ma il cui rivestimento ramato esterno, unito da profili “chiodati” nel medesimo materiale, la rendono davvero accattivante ed insolita, di certo comunque molto diversa dai prodotti più attuali.

 

Anche la ditta italiana Treesse (http://www.gruppotres.it/) leader nell’ambito dell’arredo bagno, propone diverse soluzioni di vasche dal sapore retrò: alcune molto più classiche ed altre invece reinterpretate in chiave più moderna. Ad esempio tra quelle del primo tipo possiamo citare le vasche del modello Epoca, dalle forme morbide e sinuose, che ricalcano esattamente le fattezze di quelle di un tempo, con colonna di scarico e sifone a vista e caratterizzata dalla presenza dei tradizionali piedini lavorati “a zampa di leone”, che possono essere realizzati in finitura cromata, dorata, piuttosto che in color bronzo o bianco e che attraggono inevitabilmente lo sguardo di chiunque vi passi davanti.

Sempre del medesimo tipo le varianti Epoca Impero, molto simile alla precedente ma più impegnativa da un punto di vista visivo, poiché la scocca esternamente è decorata con motivi in stile classico a scelta; mentre sono decisamente più moderne ma con un richiamo al passato altre due vasche: Moulin, che riprende un po’ nelle forme i modelli precedentemente descritti, ma rendendoli più rigidi e lineari ed è corredata da dettagli più semplici ed essenziali, come i piedini decisamente più dritti, puliti e sottili di quelli a zampa di leone.

Ancor più improntata allo stile contemporaneo è il modello Epoca Egg, che come si evince dal nome vuol riportare alla luce le forme d’un tempo, ma assolutamente rivisitandole secondo i dettami moderni che trasformano il tutto in un monoblocco sinuoso ed elegante ma pulito ed essenziale, che può trovar posto sia in un bagno arredato in stile classico che in un moderno bagno di design!

Decisamente più imponente, austera e rigorosa la vasca da bagno freestanding Yuma Style di BluBleu (http://www.blubleu.it), decisamente moderna nelle dimensioni e nella forma che in pianta è un semplicissimo ovale, si distingue invece in alzato, per la finitura esterna in legno modanato e decorato con fregio centrale (da sceglier tra diversi disponibili) che gli conferisce un’eleganza particolare ed un sapore molto “Old Fashion”, peraltro esaltato dalle rubinetterie dorate, appositamente studiate per adattarsi alla perfezione allo stile classico.

Retrò nel gusto ma moderna nel funzionamento e nella comodità, tanto che è disponibile anche dotata di “cromo relax”, ovvero un sistema integrato di illuminazione , piuttosto che di una coppia di poggiatesta o di impianto “air System” per l’idromassaggio.

Simile, ma ancor più semplice, in quanto manca totalmente ogni tipo di decoro che non sia quello delle modanatore geometriche di bordatura, l’imponente vasca monoblocco, President di Devon&Devon (http://www.tanini.it/devon_grouppotanini.php), realizzata in White Tec, una miscela innovativa prodotta in esclusiva per questo marchio che garantisce elevate prestazioni tecniche e che consente di realizzarla non solo nel classico bianco, ma anche in una calda e raffinata tonalità cream.

Inoltre questo è uno dei pochi casi in cui una vasca “old style” si può avere anche da appoggio a parete, sia in versione angolare destra che sinistra, piuttosto che da posizionare a centro parete, con dimensioni molto simili a quelle dei prodotti standard.

Devon&Devon comunque propone svariati modelli di vasca dal sapore retrò, tutti con caratteristiche differenti e non solo, anche molti altri elementi di arredo bagno, da che si tratta di un marchio nato proprio con l’intento di riproporre una sala da bagno che si ispiri alle atmosfere ed al gusto del passato ed in particolar modo di quel periodo storico che va dall´epoca vittoriana fino alla prima metà del novecento.

L’azienda italiana Rapsel (http://www.rapsel.it/), che in genere si distingue per le sue idee sempre molto contemporanee e dai contenuti innovativi, in fatto di vasche propone due soluzioni che sanno coniugare modernità e stile con un occhio di riguardo nei confronti del passato.

Da un lato vi è Grandtour, ideata da  Carlo Dal Bianco, che pur essendo assolutamente pulita ed essenziale, e dunque molto moderna, con i suoi profili modanati che sembrano tratti dalle rovine di un tempio classico, rimanda al passato; decisamente differente invece, seppur anch’esso molto semplice e lineare, è il modello Amarcord, creato per Rapsel da Marco Merendi.

In questo caso il tuffo nel passato (che ovviamente c’è, come d’altro canto suggerisce anche il nome), si concretezza nei materiali, poiché questa vasca “nostalgica”, nella parte esterna è completamente rivestita di rame lucente che risalta in contrasto con lo smalto interno e rievoca inevitabilmente sebbene nelle dimensioni e nelle forme sia assolutamente adattata alle necessità del vivere quotidiano; il valore aggiunto di quest’oggetto poi è che viene forgiato con lastre al 100% di provenienza italiana e completamente realizzato a mano.

Altri marchi specializzati in arredo bagno d’epoca, che offrono una vasta gamma di vasche dal sapore retrò sono ad esempio la statunitense Bath Works (http://www.thebathworks.com/) e la britannica Victoria + Albert (http://vandabaths.com/it/), che ha sia prodotti spiccatamente classici che altri rivisitati in chiave più attuale, ma in ogni caso per le sue creazioni utilizza un materiale di ultima generazione, il QUARRYCAST®, arricchito con una particolare pietra calcarea di origine vulcanica che finemente tritata ed impastata con la resina, rende ogni elemento più bianco, resistente e splendente che mai.

Poi ovviamente vi sono molte altre aziende che producono sanitari e che tra le tante collezioni che propongono ne hanno anche una o più realizzate in stile classico, o comunque con un richiamo a forme e stilemi antichi.

 

In tutti i casi quando si decide di optare per una vasca dal sapore classico o comunque in stile retrò in genere si dispone di spazi abbastanza ampi (in poche parole i bagni minimal e quelli di servizio non si prestano al genere, o comunque non sono adatti ad ospitare una vasca di questo tipo!), che consentano a questo oggetto di posizionarsi con agio ed essere apprezzato, senza che vi siano altri elementi addossati ad essa o nelle immediate vicinanze, anche perché come già detto per lo più parliamo di modelli freestanding.

Allo stesso tempo anche gli altri elementi dovranno dialogare e rapportarsi con la vasca, “parlando la stessa lingua”: per questo sarà bene che anche wc, bidet e lavabo siano in stile; ma non solo anche mobili, accessori dettagli e persino le finiture, la pavimentazione ed i rivestimenti andranno scelti molto accuratamente, così che l’insieme risulti elegante, raffinato e molto ben congeniato.

Non è escluso comunque che si possa inserire una vasca retrò in un bagno moderno, anzi questa potrebbe essere l’elemento di svolta, specie se si opta per un modello decisamente antico, ma magari con finitura nera lucida e luccicanti piedini cromati, anche se come abbiamo visto esistono vasche antiche già riproposte in chiave moderna che possono benissimo prestarsi allo scopo!