Colonne e aste doccia

Anche nei più piccoli dettagli si vede la cura e l'attenzione

Che tipo di elementi installare e dove posizionarli

In via del tutto generale si può dire che una doccia si compone essenzialmente di un piatto ed un box (o in alternativa di pareti in parte fisse ed in parte mobili), che perimetrano l’area destinata a questa funzione separandola dal resto del bagno e di una serie di altri accessori che fanno parte di quelle che comunemente (ed in parte un po’ impropriamente) vengono definite “rubinetterie” e che in realtà costituiscono l’essenza stessa di una doccia, la sua porzione impiantistica, quella che fa sì che l’acqua sgorghi nella quantità e con le modalità e la temperatura desiderate, consentendo così di lavarci.

In realtà perché una doccia si configuri come tale basterebbe disporre di una zona a terra dotata di piletta di scarico e di un unico soffione, da cui sgorga l’acqua, corredato da un rubinetto dotato di miscelatore, entrambi installati a parete, il primo posizionato in alto ed il secondo collocato invece più in basso, in modo tale che l’apertura, la chiusura e la regolazione della portata dell’acqua avvengano in modo agevole da parte dell’utenza.

Oggi però sempre con meno frequenza ci si accontenta di avere a propria disposizione solo quanto effettivamente necessario; anzi la tendenza è esattamente quella opposta e la doccia nel tempo si è evoluta trasformandosi da soluzione di ripiego (quale era vista inizialmente, dato che un tempo veniva scelta solo qualora nel proprio bagno non fosse possibile, per motivi di spazio, installare una vasca) in un vero e proprio strumento di benessere, super accessoriato e degno delle migliori Spa.

Che tipo di elementi installare e dove posizionarli è una questione che dipende di certo dalle esigenze e dai gusti del singolo, ma che è anche fortemente influenzata dalle predisposizioni impiantistiche di cui è dotato il nostro bagno, per cui è bene tener conto di questa cosa qualora ci si stia accingendo a ristrutturare un bagno o a progettarne uno ex novo ed informare le maestranze su quali siano i nostri reali desideri in proposito, in modo tale che questi possano provvedere di conseguenza.

Non basta dire dove vada collocato il piatto doccia e che dimensione debba avere, per avere a propria disposizione le predisposizioni impiantistiche adeguate è necessario fornire esattamente le specifiche tecniche del tipo di elementi che si desidera installare: ad esempio molto diverso sarà il caso di un soffione a parete, piuttosto che uno a soffitto ed anche in quest’ultimo caso bisognerà specificare se esterno o da incasso; se poi si desiderano anche delle bocchette a parete per l’idromassaggio o la presenza di un doccino aggiuntivo, dei miscelatori particolari o qualunque altra cosa sarà comunque indispensabile stabilirlo a priori e procurarsi le schede tecniche che ne consentano un’idonea predisposizione ed installazione.

Rispetto alla più classica soluzione doccia, che si può comporre con elementi a propria scelta, di solito abbinando tra loro un miscelatore, un’asta con saliscendi, dotata di soffione alto e di doccetta con flessibile più in basso, oggi vi è un’alternativa molto di moda che ingloba in un unico oggetto tutte le funzioni e gli elementi appena descritti: si tratta delle cosiddette colonne doccia, che oltre ad avere l’indubbio vantaggio di dover scegliere un solo elemento, senza complicazioni aggiuntive, sono studiate in modo tale da riuscire a rendere la doccia un momento di relax, dedicato al benessere ed alla cura del proprio corpo, poiché il più delle volte queste sono accessoriate con tutta una serie di tecnologie particolari.

Un’altra alternativa per ottenere lo stesso tipo di risultato potrebbe essere quella di orientarsi verso una soluzione “a cabina” ed in questo caso ci si troverà davvero a fare i conti con un solo grande oggetto dotato di “pareti, pavimento e copertura”, una piccolo ambiente a sé stante dotato anche di seduta, il cui impatto visivo però sarà decisamente superiore, così come maggiori saranno i costi legati ad un acquisto del genere!

 

In genere, quando si parla di colonne doccia ci si riferisce ad oggetti molto moderni caratterizzati da un design decisamente accattivante, tanto che rimanendo in vista, come accade nella stragrande maggioranza dei casi visto che i box doccia attuali sono sempre più costituiti da esili pareti di cristallo temprato completamente trasparenti, questi divengono veri e propri oggetti d’arredo, dotati di forte personalità ed in grado di influenzare in maniera determinante l’aspetto del locale in cui vengono installati.

Come sempre poi in commercio è possibile trovare colonne doccia imponenti e vistose, magari colorate con tinte accese ed esuberanti ed altre più discrete, dove la parte impiantistica viene mascherata da un semplice pannello vetrato, magari completamente nero, in modo da far risultare il tutto molto sobrio ed elegante.

Le discriminanti sono diverse e tutte concorrono a determinare l’estetica finale dell’oggetto: da un lato bisogna capire di quante e quali tecnologie vogliamo poter disporre, dall’altro bisogna stabilire quali siano le dimensioni e la forma ideali da inserire all’interno del nostro spazio doccia; ovviamente poi il materiale, la colorazione, le finiture con cui il tutto si concretizza sono importantissime e perfino i dettagli possono fare la differenza (come ad esempio la presenza o meno di porta asciugamani, porta saponi, mini sedute, specchi o altro!).

Per ciò che concerne l’aspetto tecnologico della questione le possibilità sono varie: idroterapia, getti a cascata, soffioni e bocchette orientabili e regolabili, massaggi particolari e di vario tipo, cromoterapia, aromaterapia, musicoterapia, controllo della temperatura dell’acqua e possono essere presenti tutte o solo alcune, a seconda del modello scelto e chiaramente di ciò che risulta di nostro gradimento.

In tutti i casi non si deve pensare che tutta questa tecnologia si difficile da usare e che prima di capire come fare a scegliere l’opzione desiderata finirà per venirci il mal di testa, così addio momenti di relax: le colonne doccia multifunzione più moderne in genere sono dotate di comandi semplici e intuitivi, a prova di bambino, per lo più touch screen o azionabili tramite telecomando.

Da un punto di vista pratico l’installazione di colonne doccia attrezzate è inoltre decisamente più semplice, sia rispetto all’installazione di una vera e propria cabina multifunzione che anche ad una soluzione componibile più tradizionale che necessita di singoli attacchi a parete per i vari elementi, anche perché rispetto a quest’ultima comunque ha il vantaggio che la colonna, in genere abbastanza importante da un punto di vista visivo e dimensionale rispetto ad un’asta, nasconde completamente gli attacchi alle rete idrica per cui eventuali rotture di piastrelle risulteranno alla fine mascherate.

Ad esempio tra le svariate proposte presenti sul mercato citiamo la colonna doccia con idromassaggio Ilyt di Albatros (www.albatros-idromassaggi.com) che si configura essenzialmente come un pannello sottile, una vera e propria “consolle di benessere”, disponibile in 4 colori bianco, nero, rosso o alluminio satinato, con un grande soffione ad effetto pioggia, che fa capolino protendendosi in avanti da sopra il pannello ed una doccetta che spunta lateralmente su un fianco, dove in posizione ergonomica trova posto anche la rubinetteria termostatica; sul retro poi sono posizionate delle mensole che possono risultare utili per riporre shampoo, bagnoschiuma e spugne, in modo che restino lontane da occhi indiscreti e non rovinino l’estetica del tutto.

 

Decisamente più d’impatto e corposa invece la soluzione Etoile del marchio Hafro, con colonna ad L rovesciata dagli spigoli arrotondati, realizzata in acciaio di un certo spessore, proprio con l’intento di non passare inosservata e disponibile in tre formati differenti (con altezza della colonna da 55 cm fino a 160 cm), in svariate colorazioni (anche molto particolari) e diverse finiture a campionario, sia lucide, che opache e perfino bicolor.

 

 

Unica nel suo genere è la proposta Monolite di Brandoni (http://www.brandoni.com/pdf/Monolite.pdf), nata dalla mente del designer Fabrizio Batoni che riesce a rivoluzionare il tradizionale concetto secondo cui acqua e calore occupano all’interno di un bagno due ruoli distinti e distanti e li riunisce in un unico oggetto dall’elevato valore architettonico, che si trasforma in protagonista indiscusso dell’ambiente in cui trova spazio.

Ci troviamo in effetti di fronte ad una colonna doccia che da un lato si configura come un oggetto fisicamente ben visibile, dall’estetica moderna ed accattivante, ma dall’altro al suo interno racchiude, non solo il soffione, la doccetta, la rubinetteria e tutta una serie di altri possibili accessori (dalle mensole, allo specchio fino agli appendini ed al porta asciugamani) bensì anche un vero e proprio corpo radiante. Un unico prodotto capace dunque di svolgere due funzioni essenziali, permettendo di risparmiare spazio ed al contempo di impreziosire il tutto con un design semplice ma d’effetto.

Come già detto è difficile dare una descrizione univoca di cosa sia ed in cosa consista una colonna doccia, poiché in commercio oggi ne esistono davvero tantissimi modelli, tutti diversi sia sotto il profilo più prettamente visivo ed estetico che da un punto di vista prestazionale, potendo essere dotate delle funzioni e delle tecnologie più disparate a seconda dei casi e delle esigenze del singolo.

 

Vi sono colonne che puntano maggiormente sull’estetica ed altre invece che sono decisamente più ispirate al wellness e che dunque fanno delle prestazioni il loro punto di forza; in tutti i casi scegliere di optare per una colonna doccia piuttosto che per una soluzione più classica o per una cabina doccia è già una presa di posizione abbastanza netta che ci orienta verso prodotti molto moderni e dall’alto contenuto tecnologico, ma con un occhio di riguardo all’estetica.

Non sarà poi così complesso, come si potrebbe invece pensare, riuscire a trovare la colonna doccia che maggiormente fa al caso nostro e che rappresenta quel mix perfetto di design, funzionalità e tecnologia che ci permetterà di vivere esperienze multisensoriali e di trascorrere momenti di relax assoluto paragonabili a quelli di una Spa, ma senza doversi muovere da casa propria!

Con la colonna “giusta” ogni doccia si trasformerà in un’esperienza unica, multisensoriale, totalizzante e coinvolgente, rivitalizzante o rilassante a seconda delle nostre necessità del momento, provare per credere!