Lavabi freestanding e lavabi di design

Lavabo appoggio Roll by Ceramica Flaminia

Tante idee originali per arredare il bagno con pezzi di design

I vecchi lavabi a colonna d’un tempo, quelli che oggi, sia per motivi pratici che per mutate visioni di gusto, riscuotono sempre meno successo, negli ultimi anni hanno subito un’evoluzione e sono stati reinterpretati, rivisitati e riproposti sotto una nuova veste in versioni inedite ed accattivanti, perfette da inserire all’interno di bagni contemporanei e di design, ma che, proprio per il fatto di essere elementi davvero belli e singolari, possono trovar posto anche in ambienti diversi da quello per cui sono stati progettati, ad esempio non sfigurano affatto se posizionati in un angolo di un ampia camera da letto.

Si tratta dei cosiddetti lavabi freestanding, che poggiano a terra, esattamente come i loro antenati, anzi rispetto ai vecchi lavabi a colonna risultano ancor più saldamente ancorati al suolo: in molti casi visivamente si configurano come emergenze scultoree, che sembrano “sbucare” in maniera del tutto naturale dal pavimento come una presenza a sé stante, che prende forma e vita dalla terra.

Da un punto di vista più prettamente pratico, i pro e i contro che si hanno scegliendo elementi di questo tipo sono all’incirca quelli che possiamo riscontrare optando per un lavabo a colonna standard: non potremo decidere a che altezza installarli, la pulizia attorno alla base potrebbe risultare difficoltosa (per cui igienicamente non sono proprio la soluzione ideale) e di certo non riusciremo ad ottimizzare lo spazio sfruttando la parte sottostante il lavabo per esigenze contenitive.

Diversamente però dai modelli più classici, in genere quando si ha a che fare con lavabi freestanding ci si può girare attorno o comunque non si scorgono gli attacchi alla rete idrica (che vengono dal pavimento e sono mascherati dalla struttura stessa del lavabo), perché questi elementi non poggiano mai a parete, sebbene sovente vi si accostino per questioni di praticità nell’organizzazione degli spazi; quello che poi cambia in maniera più radicale è di certo l’aspetto estetico della questione.

La vera e sostanziale differenza rispetto ad un tradizionale lavabo a colonna è proprio il fatto non stiamo più trattando elementi standard, piuttosto economici e facilmente abbinabili a wc e bidet di tipo piuttosto comune, ma al contrario, in questi casi, si ha sempre a che fare con prodotti molto particolari, insoliti ed accattivanti, che diverranno i veri protagonisti del nostro bagno, attirando inevitabilmente su di sé tutti gli sguardi e le attenzioni.

Ovviamente parlando di oggetti di design, cioè di articoli che normalmente vengono ideati e progettati da designer famosi per marchi altrettanto noti e proprio con il preciso intento di stupire, è chiaro che anche il prezzo è in linea con quello che solitamente caratterizza questo tipo di prodotti e  dunque, pur essendoci un ampio margine di variabilità, bisogna prepararsi a fare i conti con costi decisamente superiori alla media!

Stilisticamente, in generale, i lavabi di questo tipo sono tutti molto moderni, anche se ve ne sono alcuni, più semplici e raffinati, magari caratterizzati da linee sinuose, che possono tranquillamente essere inseriti all’interno di ambientazioni più retrò, meglio se comunque rivisitate in chiave moderna; in tutti i casi, anche per ciò che concerne questa particolare categoria di elementi, le possibilità presenti in commercio sono davvero moltissime ed ovviamente trattandosi di elementi che devono spiccare proprio per la loro estetica ognuno sarà completamente diverso dall’altro ed avrà peculiarità precipue proprie, che lo rendono unico.

Vi sono lavabi freestanding più imponenti ed altri decisamente più snelli; elementi sinuosi e plastici ed altri dalle linee più austere e rigorose, che nella forma si ispirano a parallelepipedi a pianta quadrata piuttosto che rettangolare, oppure che invece riprendono le fattezze del tronco di cono rovesciato o del cilindro; possiamo trovare lavabi freestanding divertenti e colorati, altri total black o total white e persino varianti più eleganti argentate o dorate, non c’è davvero che l’imbarazzo della scelta.

 

 lavabi freestanding Lui & Lei di Vitruvit

Tra i modelli strutturalmente più semplici possiamo ad esempio citare i simpaticissimi lavabi freestanding Lui & Lei di Vitruvit (www.vitruvit.it), decisamente eleganti e sobri in quanto realizzati in marmo bianco di carrara, sono al contempo divertenti e spiritosi e sono bellissimi da installare in coppia, uno accanto all’altro, in quando l’uno (quello dedicato alla donna) è un perfetto cilindro e porta inciso sulla colonna il simbolo del sesso femminile, mentre l’altro (quello pensato per l’uomo) è un parallelepipedo a base quadrata, ovviamente con la raffigurazione del simbolo maschile.

Sempre della medesima linea e sempre in pietra, ma stavolta nera, esistono anche i piatti doccia Lei (circolare) e Lui (quadrato), sebbene Vitruvit proponga anche wc, bidet e lavabi d’appoggio il tutto che rimanda al simbolismo suddetto, con l’alternanza di forme tondeggianti e sinuose ispirate al genere femminile e di spigoli e linee rette che prendono spunto dal mondo maschile, il tutto decorato con cristalli Swarovsky e da coordinare con gli specchi della stessa serie.

 

Lavabo Monoroll di Ceramica Flaminia

Strutturalmente molto semplice anche il lavabo Monoroll di Ceramica Flaminia (www.ceramicaflaminia.it), nato dalla mente del designer OkiSato Nendo: ideale da collocare a centro stanza, a prima vista potrebbe sembrare un cilindro, ma in realtà la sua immagine è più complessa e densa di significato, rimanda in qualche modo a quella di un foglio di carta arrotolato su se stesso, che sembra quasi voler avvolgere l’acqua e tenerla racchiusa in sé.

Cup invece, come si evince dal nome stesso è un bellissimo lavabo freestanding le cui linee evocano chiaramente quelle di una tazza: creato dalla Meneghello Paolelli Associati per Artceram (www.artceram.it), non solo stupisce perchè moderno, accattivante ed elegante, ma anche perché  con le sue forme sinuose e semplici incarna un oggetto che difficilmente ci si aspetterebbe di incontrare proprio all’interno di un bagno.

Disponibile in total white o nell’elegante versione bicolor, con interno bianco ed esterno nero lucido, Cup non è solo bello ma anche estremamente pratico e funzionale: il manico della tazza infatti funge da porta asciugamani e la bacinella è profonda, ma anche abbastanza ampia e capiente così da consentirne una facile fruizione.

Lavabo Cup creato dalla Meneghello Paolelli Associati per Artceram

Molto simile al precedente, sebbene senza alcun richiamo ad oggetti d’uso quotidiano, è il lavabo freestanding Sculture Evento di Hatria, marchio Marazzi Group (www.hatria.com): creato appunto con il preciso intento di divenire il veroprotagonista dell’ambiente bagno, all’interno del quale si configura come importante presenza scultorea.

Questo elemento è disponibile in diverse colorazioni, tutte smaltate e lucide, decisamente alla moda e bellissime: alcune più austere, come quella bianca e nera, ideale da collocare in bagni moderni, altre più preziose come quella in bianco ed oro, perfetta per ambienti raffinati ed eleganti ed altre ancora dalla forte personalità, come avviene per la variante con esterno rosso brillante, che difficilmente potrà passare inosservata.

Lavabo freestanding Sculture Evento di Hatria

 

Ancor più ricercato e dalle forme decisamente più sinuose, organiche e lavorate, che richiamano evidentemente quelle di un fiore, è il lavandino Kalla (rievocazione e reinterpretazione della calla, appunto), di Mastella Design (www.mastelladesign.it), presentato al salone Internazionale del Bagno del 2012 e disponibile sia nella versione freestanding che in quella da appoggio (che prende il nome di Kallashort), entrambe raffinate e dal forte impatto estetico ed ambedue realizzate in Cristalplant®, materiale innovativo, resistente, duraturo e splendente.

Lavandino Kalla e Kalla Short di Mastella Design

Quelle appena illustrate sono solo alcune delle proposte freestanding che possiamo trovare in commercio, ma in realtà non c’è limite alla fantasia ed è davvero possibile trovare molte altre alternative altrettanto belle ed accattivanti, starà a ciascuno riuscire ad individuare quella che maggiormente incontra i propri gusti e fa al caso suo!

Se da un lato poi è vero che quando si parla di lavabi freestanding ci si riferisce sempre ad elementi di design dall’altro è altrettanto vero che esistono molti altri lavabi di design che invece prevedono un tipo d’installazione differente, per lo più si tratta di elementi sospesi e d’appoggio (anche se non  mancano gli elementi sospesi, a colonna, incassati o integrati nel piano).

Anche in questi casi il punto di forza di ciascun lavabo può essere differente a seconda dell’elemento che stiamo considerando: talvolta sono proprio le forme e le linee a creare oggetti molto particolari ed insoliti, altre volte invece l’aspetto più singolare è dato dall’impiego di materiali diversi dal solito, magari mixati sapientemente, o semplicemente da un uso diverso del colore, o ancora dall’impiego di finiture di un certo tipo e dall’inserimento di dettagli estrosi.

Anche per questa categoria di lavabi, vediamo dunque qualche esempio, sempre avendo ben chiaro che non stiamo facendo una panoramica esaustiva di tutte le possibilità esistenti sul mercato, per cui c’è questo ma molto altro ancora, basta aver ben chiaro il tipo di elemento che andiamo cercando per poter poi approfondire in maniera più dettagliata l’argomento.

Abisko lavabo creato dai designer Kauppi e Sundstrom e commercializzato da Eumar

Tra i lavabi di design sospesi e dalle forme plastiche troviamo Abisko (www.washbasinfactory.com), creato dai designer Kauppi e Sundstrom e commercializzato da Eumar: le sue linee sinuose sono state appositamente studiate per replicare l’idea dello scorrere naturale delle acque, tanto che anche il nome rimanda a quest’idea (poiché Abisko è il nome delle cascate svedesi presenti nel parco nazionale).

Si tratta di una vera e propria scultura realizzata con un materiale composto all’80% da marmo e per la restante parte da un legante polimerico sintetico, che fa risultare le superfici molto resistenti, estremamente lisce, lucenti e facili da pulire.

A differenza dei normali lavabi non vi sono tubi di scarico perché questo riversa l’acqua esattamente come se si trattasse della cascata di un ruscelletto, della quale peraltro (quando l’acqua scorre) ricorda il rumore caratteristico, ovvero a terra dove verrà convogliata da un griglia di raccolta e poi riutilizzata per lo scarico del bagno, in modo da risultare una soluzione non solo bella ma anche ecologica.

Lavabo fossile chiamato Ammonite ed ideato dal marchio tedesco HighTech Design Products

Rievoca sempre lo scorrere dell’acqua, ma in modo ancor più primordiale, il lavabo fossile chiamato Ammonite ed ideato dal marchio tedesco HighTech Design Products (www.hightech.ag): si tratta di un’idea davvero suggestiva, l’acqua infatti prima di finire nello scarico fluisce nelle spire della “chiocciola preistorica” per un lungo ed arzigogolato percorso, che ci aiuta a percepire quanta acqua in realtà stiamo sprecando! L’effetto finale è quello che si avrebbe se l’impronta di un grande fossile fosse rimasta impressa nel piano del nostro lavabo, che in questo caso è un tutt’uno con lo stesso e viene realizzato con un tipo di cemento particolare, da scegliere in una vasta gamma di colori a proprio piacimento.

Decisamente diverso e minimal il lavabo Luna di Glass Design (www.glassdesign.it), realizzato con vetro soffiato a bocca in maniera del tutto artigianale: altro non è che una semisfera trasparente e lucente, che ricorda, non solo il profilo della luna, ma anche una normale bacinella. Pulito e semplice, ma al contempo elegante e raffinato questo lavandino può tranquillamente integrarsi all’interno di qualunque bagno senza stonare, dal più classico al più moderno, dandogli quel tocco in più.

Dello stesso marchio poi possiamo trovare moltissime altre idee di design, nella maggior parte dei casi da appoggio: alcune decisamente più sfarzose, per lo più dorate, perfette da inserire in bagni classici ed altre invece molto più estrose e colorate, come ad esempio Flowers (nella versione da appoggio o freestanding), o ancora Infinity; senza poi dimenticare le proposte vintage, in alcuni  casi realizzate con murrine veneziane.

Lavabo Luna di Glass Design Lavabo Flowers di Glass Design Lavabo Infinity di Glass Design

Assolutamente moderno ed essenziale il divertente lavabo Degree, disegnato da Francesco Lucchese per BMood (www.bmood.it): si tratta di un elemento da fissare a parete, realizzato in Cristalplant bianco, oppure in Corian colorato, che però si presta a molteplici configurazioni in base al tipo ed al numero di complementi a cui viene affiancato.

Di per sé è un semplice lavabo cilindrico sospeso, abbastanza alto da nascondere totalmente le tubature, ma con la particolarità di possedere un coperchio girevole che può fungere da pratico piano d’appoggio; può poi diventare da appoggio o essere integrato ad un mobile sottostante. che al limite può arrivare a poggiare anche a terra, sembrando quasi una colonna.

Un elemento minimal e semplice ma decisamente versatile, che saprà anche donare al vostro bagno un tocco di colore ed allegria in più.

Lavabo Degree, disegnato da Francesco Lucchese per BMood

Sperando di esser stati in grado di fornire qualche spunto interessante riguardo ai lavabi di design, se siete attratti dagli oggetti insoliti e fuori dai soliti schemi, non potrete certo accontentarvi di un lavandino qualunque, per cui provate a navigare in rete o a visitare qualche shoowroom di arredo bagno particolarmente fornito per trovare l’elemento che maggiormente vi rappresenta e che potrà diventare protagonista del vostro bagno!