Sanitari realizzati in ceramica o in materiali particolari

Sanitari realizzati in corian e vetro

Vasche e lavabi offrono possibilità maggiori di spaziare in un’ampia gamma di materiali differenti mentre per bidet e wc le alternative sono minori

Quando ci si accinge ad arredare un qualunque ambiente della propria casa si comincia sempre avendo ben in mente il tipo di atmosfera che si desidera ricreare, per cui si procede con la definizione dello stile a cui ci piacerebbe ispirarci ed al contempo non si può far a meno di considerare anche quali siano i materiali che maggiormente ci attirano e di conseguenza con quali tonalità e finiture vorremmo vederli realizzati.

Effettivamente la componente estetica di un qualunque elemento d’arredo è data dall’unione di forme, linee, volumi, colori e texture per cui l’aspetto materico della questione risulta sempre essere determinante per la buona riuscita del tutto e questo è un concetto assolutamente valevo anche per i sanitari.

Il più delle volte invece, se si pensa ad un bagno ed ai sanitari che lo compongono, nella nostra mente si susseguono immagini di elementi in ceramica rigorosamente bianchi; in realtà si tratta di un luogo comune, assolutamente da sfatare, perché oggi le possibilità alternative sono tantissime e tutte molto diverse le une dalle altre e questo sia da un punto di vista stilistico, formale e dimensionale che per ciò che concerne l’aspetto più visivo della questione, che comprende materiali, finiture e colorazioni.

Poi molto dipende anche dall’elemento particolare che stiamo analizzando: una cosa infatti è parlare di vasche da bagno ed un’altra è riferirsi a bidet e wc, piuttosto che ancora a lavabi o piatti doccia, perché vi sono materiali che si prestano in modo particolare alla realizzazione solo di alcuni tipi di sanitari ed altri invece che possono trovare svariate applicazioni, differenti a seconda dell’elemento considerato.

In via del tutto generale si può dire che vasche e lavabi offrono le possibilità maggiori di spaziare in un’ampia gamma di materiali differenti, mentre per bidet e wc le alternative comunque ci sono ma sono senz’altro di meno e le docce, con tutte le loro varie componenti, si attestano a metà strada tra le due categorie appena individuate.

Con questo articolo non vogliamo di certo affermare che la classica ceramica o il vetro-china bianco hanno fatto il loro tempo e oramai sono stati soppiantati da altro, anzi, si tratta comunque di materiali più che adatti allo scopo, che non a caso restano comunque i più gettonati, in quanto facili da pulire, igienici, robusti ed inattaccabili dagli acidi; ciò che invece si desidera chiarire è che questi non vanno scelti solo per abitudine, perché le alternative, anche di grande effetto e decisamente accattivanti ci sono e non solo queste sono molteplici, ma se ben sfruttate possono anche risultare davvero interessanti ed aiutare a creare all’interno del proprio bagno un’atmosfera davvero unica.

Vasca da bagno realizzata in vetro

Tra i diversi materiali “alternativi” che possono essere utilizzati per la realizzazione dei sanitari di certo il vetro è quello che trova maggior applicazione, un po’ perché si presta ad essere impiegato per quasi tutti gli elementi presenti in un bagno (ad eccezione di bidet e wc per i quali il suo utilizzo è più difficoltoso) ed un po’ perché il risultato estetico è indubbiamente pregevole e di grande effetto, senza contare che il cristallo risulta anche resistente ed igienico per cui si adatta perfettamente allo scopo.

Detto ciò, proprio per la sua larga diffusione e per il fatto che oramai gli elementi per il bagno realizzati in vetro sono sempre più comuni e gettonati, ad esso dedicheremo un articolo specifico e ci concentreremo ora invece su altro, facendo una carrellata veloce di quelle che sono le diverse possibilità presenti sul mercato.

Per cominciare diciamo che, indipendentemente dal particolare elemento a cui ci riferiamo, tutti i sanitari possono essere realizzati con  l’ausilio di materiali innovativi: per lo più si tratta di prodotti compositi ed in pasta, costituiti principalmente da un miscele di resine acriliche e minerali che da un punto di vista prettamente estetico ricordano in maniera impressionante la ceramica (tanto che ad un primo sguardo difficilmente un profano sarà in grado di coglierne la differenza) e che a seconda del mix particolare che li caratterizza e del brevetto da cui sono coperti prendono varie denominazioni (Corian, Crstalplant, HI-Macs, Quaryl, Toplax, ecc…).

In realtà sotto l’aspetto prestazionale parliamo di prodotti molto più performanti di quelli a cui siamo abituati, in quanto più durevoli e più resistenti agli agenti chimici e meccanici, che sanno garantire nel tempo una maggior brillantezza delle superfici e che peraltro consentono ai designer una libertà d’espressione decisamente superiore a quella della ceramica, potendo essere modellati e formati a proprio piacimento, per cui trovano vastissima applicazione specie nella realizzazione degli elementi più stravaganti ed innovativi.

Lavandino realizzato in pietra

Tra i materiali naturali che si prestano alla realizzazione di sanitari cominciamo invece parlando della pietra: in via del tutto generale, a prescindere dall’elemento che stiamo considerando, si tratta di prodotti piuttosto costosi, dall’elevato peso specifico e comunque molto più delicati della ceramica, che però da un punto di vista prettamente estetico garantiscono un risultato impareggiabile.

Stilisticamente parlando la pietra di sicuro si addice maggiormente a bagni arredati in stile classico o comunque ad ambientazioni raffinate e lussuose, tanto è vero che fino a qualche decennio or sono era molto di moda, tra chi poteva permetterselo, realizzare il bagno in marmo, ovvero quantomeno utilizzando rivestimenti, pavimenti, lavabi e top fatti con questo materiale e ciò era sinonimo di benessere economico e dell’avere una dimora di un certo tono e “stile”.

Vi sono poi anche tutta una serie di prodotti, soprattutto lavabi ma in alcuni casi anche vasche, realizzate con pietre semi preziose come l’ametista o l’onice, che chiaramente non sono alla portata di tutti ed anche visivamente sono molto particolari, per cui non si prestano ad essere inseriti ovunque, ma necessitano di ambientazioni di un certo tipo.

Se però, da un lato, le finiture lucide e levigate si addicono alla perfezione ad ambienti classici e raffinati, al contrario, le finiture a spacco ed elementi ricavati da blocchi di pietra grezzi sono invece il top per la realizzazione di bagni in stile rustico; soprattutto per quanto concerne lavabi e vasche da bagno.

Ciò non toglie che in commercio esistano anche prodotti in pietra, per lo più lavabi, dal carattere decisamente contemporaneo, in genere da appoggio, realizzati con forme semplici e squadrate e finiture levigate, ma non lucidate.

Vasca da bagno effetto legno

Altra materia naturale che a prima vista sembrerebbe assolutamente non adatta alla realizzazione di sanitari è il legno, che invece sempre più spesso viene utilizzato, ovviamente previo trattamento impermeabilizzante delle superfici, soprattutto per creare lavabi, pedane per la doccia e vasche da bagno.

Proprio per il suo colore caldo e la particolarità di avere venature sempre diverse, il legno può prestarsi ad incarnare vari stili e può servire per “arredare” un bagno moderno, così come uno minimale di ispirazione orientale, o ancora uno più tradizionale o uno rustico: tutto dipende dalle forme, dai volumi ed anche dal tipo di essenza scelta e dalla lavorazione a cui è stata sottoposta.

Per coloro che alla naturalezza ed al calore delle superfici naturali preferiscono invece l’estetica moderna e lo stile high-tech la soluzione ottimale potrebbe essere quella di optare per l’acciaio inox, lucido e splendente, decisamente resistente, sebbene un po’ freddo sia visivamente che come sensazione tattile; in genere è poco utilizzato all’interno dei bagni (mentre ad esempio in cucina è una scelta comune), ma se utilizzato in maniera sapiente può rivelarsi davvero bellissimo.

Vasca da bagno vintage

Sempre parlando di materiali metallici poi, si può ricorrere all’utilizzo di rame, bronzo o all’ottone; in special modo il rame è molto utilizzato, nella sua finitura più “artigianale” proprio per ambientazioni country, rustiche o semplicemente dal gusto retrò, anche se si presta alla perfezione anche per creazioni assolutamente più moderne; anche in questo caso moltissimo dipende dalle forme “incarnata”, dal tipo di lavorazione, dal trattamento superficiale e dalla colorazione.

Più insolito e particolare, decisamente pensato per bagni semplici, in stile country o arte povera, anche l’impiego della terracotta, esclusivamente dedicato alla realizzazione di lavabi, sospesi o d’appoggio.

sanitari total black “Nerocarbonio” proposti da Alberto Del Biondi

Tra i prodotti più innovativi, decisamente insoliti e dal design futurista sono i sanitari total black “Nerocarbonio”, lavabo, wc e bidet, creati appunto con l’utilizzo di fibre di carbonio e proposti da Alberto Del Biondi industria del design (www.albertodelbiondi.com).  Il carbonio da un punto di vista prestazionale si contraddistingue per la sua estrema leggerezza unità però ad un resistenza meccanica agli urti, alle variazioni termiche ed agli agenti chimici elevatissima, inoltre garantisce un buon grado di isolamento termico ed ha ottime proprietà ignifughe, motivo per cui le sue fibre oggi giorno trovano sempre maggior utilizzo in molti campi applicativi ed anche in architettura, dove oramai da diversi anni vengono sfruttate per rinforzare le strutture degli edifici esistenti, con spessori minimi diversamente facilmente eguagliabili.

Sempre prodotta utilizzando fibre di carbonio e sempre color nero intenso è la grintosissima vasca da bagno freestanding N°1 di Corcel (www.corcel.eu), che realizzata in edizione limitata indubbiamente regala un fortissimo impatto visivo, sia per la particolarità delle forme e delle geometrie che la contraddistinguono sia per la sua finitura davvero insolita e fuori dagli schemi.

Un oggetto grintoso ed aerodinamico, perfetto per chi facendosi un bel bagno più che rilassarsi desidera ottenere una sferzata di energia, ma soprattutto per chi non può fare a meno di circondarsi di elementi d’arredo belli, sensuali, tecnologici ed espressione di puro design.

Lo stesso marchio tedesco comunque produce anche altri modelli di vasche da bagno, differenti dalla precedente, ma pur sempre in carbonio, così come vanta anche a catalogo diversi lavabi da coordinarvi.

Prodotta utilizzando fibre di carbonio è la grintosissima vasca da bagno freestanding N°1 di Corcel

Se non si vuole osare scegliendo un materiale inusuale, ma si desidera comunque puntare su qualcosa di “diverso” dal solito, si può agire su un altro fronte, differente ma complementare rispetto a quello materico ed operare sulla scelta di tonalità differenti dal bianco o addirittura osare con elementi decorati in vario modo: anche in questo frangente le possibilità presenti in commercio sono molteplici (molte più di quante si possa immaginare!), per cui largo alla fantasia e proviamo a buttarci sperimentando per una volta qualcosa di non tradizionale, vedrete che il risultato se ben ponderato sarà davvero impareggiabile!

Comunque, bisogna precisare che non tutti i materiali si addicono a qualunque stile, ve ne sono alcuni maggiormente indicati per bagni moderni e contemporanei ed altri che al contrario sono perfetti per ambientazioni più classiche ed eleganti o ancora, al contrario, decisamente rustiche; come già accennato, in alcuni casi perché una stessa materia si presti ad ambientazioni totalmente differenti basta cambiare forme, texture, tipo di lavorazione o colorazione, altre volte invece questo non è affatto sufficiente.

Ovviamente poi, a seconda del materiale scelto e del tipo di lavorazione e finitura che lo contraddistinguono dovremo optare per degli accessori e soprattutto delle rubinetterie che gli si addicano alla perfezione e, come sempre, nulla andrà lasciato al caso, ma per creare un bagno perfetto, tutto andrà pensato fin nel più piccolo dettaglio.

L’importante dunque, soprattutto quando si decide di optare per sanitari realizzati con materiali particolari, è prestare molta attenzione all’insieme che ne risulta, perché in questi casi difficilmente riusciremo a scegliere tutti gli elementi in coordinato per cui dovremmo essere così bravi da accostare ad oggetti insoliti altri di tipo più tradizionale, che però vi si sposino alla perfezione senza stonare e che possibilmente riescano ad esaltare le caratteristiche di quell’oggetto “diverso”, che collocato all’interno del nostro bagno dovrà diventarne il protagonista.