Bagno ecosostenibile, ecco alcuni consigli che tornano utili

bagno con legno

Anche quando si deve progettare una stanza da bagno ci sono delle indicazioni che è necessario seguire: l’importante è fare delle scelte responsabili, che si avvicinino il più possibile ad un impatto pari a zero sull’ambiente. Insomma, puntare su elementi ecosostenibili anche per il bagno si può, anche per la grande varietà di prodotti che ci sono ormai in commercio.

Ormai anche in bagno si possono fare scelte che permettono di tutelare l’ambiente e non riguardano solamente le abitudini che si mettono costantemente in atto ogni giorno. Quando si progetta un bagno tipicamente più improntato ad un rispetto ambientale molto più evidente, anche lo stile estetico che lo caratterizza cambia notevolmente.

Il segreto è quello di puntare sempre su un elenco di prodotti che, per varie ragioni, presentano un impatto ambientale piuttosto ridotto. Tra rubinetteria, sanitari, ma anche varie tipologie di docce, così come arredi specifici e rivestimenti, un numero sempre più alto di collezioni viene proposto sul mercato appositamente per stimolare chi vuole progettare un bagno ad impatto zero sull’ambiente o giù di lì.

Diverse collezioni, quindi, vengono create usando dei materiali riciclabili, oppure anche dei materiali, così come delle finiture tipicamente antibatteriche, che offrono l’opportunità di evitare di dover impiegare troppo di frequente dei prodotti detergenti. Altre volte, invece, i vari elementi di arredo sostenibili hanno addirittura una certificazione green.

Proviamo a pensare, ad esempi, alla collezione Norm, di GSI, che si caratterizza per avere un lavabo da 80×50, che è stato realizzato appositamente per ospitare una rubinetteria triforo. L’installazione è sia ad incasso che a sospensione. Sia il water che il bidet, invece, vengono realizzati con una predisposizione apposita per lo scarico a parente, oppure per lo scarico direttamente a pavimento, con la presenza di una curva tecnica.

Una delle peculiarità di questa collezione è di avere un rivestimento ceramico Extraglaze Antibacterial, con un nuovissimo smalto ceramico che può contare su una maggiore percentuale di ioni di argento e titanio. In questo modo, può svolgere un’attività antibatterica con tanto di certificazione ISO 22196, in maniera tale che le superfici rimangono sempre lisce e piuttosto levigate e sia possibile assicurare sempre un’igiene di alto livello. Questo innovativo smalto si caratterizza per svolgere due funzioni in una: in primis, permette di diminuire il più possibile le irregolarità della superficie della ceramica e, inoltre, consente di evitare la formazione di depositi di calcare, facendo in modo che le superfici siano sempre brillanti.