Docce con porta scorrevole: una tendenza molto interessante

Docce con porta scorrevole

Capita sempre più di frequente di notare, all’interno del bagno, un elemento innovativo e di stile come le docce con porta scorrevole. Al giorno d’oggi, i box doccia che presentano questa caratteristica vengono realizzati in vari modo, visto che possono essere in nicchia, ad angolo, ma anche avere una forma circolare, e che permettono di ottimizzare lo spazio che c’è a disposizione in questo ambiente.

Uno dei vantaggi di puntare su un box doccia con porta scorrevole è indubbiamente quello di non provocare alcun tipo di ingombro allo spazio che si trova esattamente di fronte al box, soprattutto per via del fatto che l’anta va a scorrere sui vari profili che caratterizzano il perimetro dello stesso, in maniera tale da sovrapporsi e diventano una soluzione ottimale per tutti quei bagni che presentano dimensioni medie o comunque contenute.

Questo particolare tipo di docce si possono considerare, sotto un certo profilo, delle vere e proprie soluzioni salvaspazio, anche quando hanno dimensioni notevoli. Infatti, il principale punto di forza delle docce con porta scorrevole è sicuramente quello di non aver bisogno di spazio per quanto riguarda l’apertura, anche per via del fatto che sul mercato vengono proposte in tantissime tipologie.

I modelli di docce con porta scorrevole di minori dimensioni si caratterizzano per avere un piatto doccia presente su ben tre lati, di cui due sono ad angolo e uno è tondo, mentre possono essere proposti anche in nicchia, con un lato che si sviluppa per circa 70-80 centimetri e presenta un’anta scorrevole che rende decisamente facile e pratica la chiusura. Anche i box doccia walk-in, che sono indubbiamente quelli di nuova generazione, presentano un lato corto aperto e possono essere personalizzati con l’aggiunta di pareti scorrevoli.

Tutto merito della presenza di un sistema di rallentamento assistito, che permette alla porta di richiudersi in maniera estremamente dolce e soprattutto senza provocare alcun tipo di rumore. Interessante anche mettere in evidenza come le maniglie vengano proposte in un gran numero di forte e tipologie, ma che comunque sono molto ergonomiche e riescono a garantire una presa sempre molto salda.

Anche le lastre realizzate in vetro possono avere finiture differenti, visto che in commercio si trovano modelli specchiati, satinati oppure serigrafati, ma quelle maggiormente diffuse sono indubbiamente trasparenti. In questo caso, lo spessore si caratterizza per essere compreso tra un minimo di 6 e un massimo di 8 millimetri. Per quanto concerne i materiali di realizzazione, vengono usati sia il vetro che cristallo temperati, in grado di garantire un’ottima resistenza.