Luce bagno, ecco come scegliere il modello più adatto

luce bagno

Avete intenzione di rinnovare un ambiente come il bagno, eppure non avete ancora scelto quale tipologia di illuminazione installare? La luce bagno non è certamente uno di quegli aspetti che si possono prendere sotto gamba. Nel corso degli ultimi anni, il led è sicuramente una delle opzioni predilette, ma è importante anche tenere in considerazione il fattore IP.

La luce per il bagno, nello specifico quella che viene installata con l’intento di garantire un’adeguata illuminazione nei confronti della zona in cui viene posto il lavabo, deve soddisfare determinati requisiti. Prima di tutto deve essere certamente in linea con i propri canoni estetici, poi deve garantire buone prestazioni e, infine, deve garantire anche un alto livello di sicurezza e di affidabilità.

La sicurezza è uno di quegli aspetti da tenere in considerazione per ogni tipologia di lampada, ma in modo particolare per quelle che vengono collocate in bagno. Infatti, si tratta dell’ambiente in cui si trova il maggiore pericolo in tutta l’abitazione, dal momento che ci sono due componenti come l’acqua e l’elettricità.

È interessante valutare un po’ tutte le caratteristiche tecniche del prodotto di illuminazione prima di provvedere con l’acquisto. Importante anche tenere sotto controllo il codice IP: si tratta del codice che caratterizza il livello di protezione che è in grado di garantire quel determinato apparecchio. Un codice che può cambiare da zero fino ad un massimo di 8.

Uno dei problemi principali da risolvere è senz’altro relativo al punto migliore in cui collocare la luce bagno. Ad esempio, se ne può scegliere solamente una, in linea: in questi casi, è interessante optare per una barra che viene collocata esattamente sul profilo più alto dello specchio, in maniera tale che possa garantire la proiezione della luce direttamente dall’alto. In questo modo, in bagno si potrà contare su una luce diffusa, che va a mettere in risalto in lineamenti del viso, evitando che si possano formare le classiche zone d’ombra.

Per fare in modo che il risultato finale sia ottimo anche sotto il profilo estetico, è importante che lo specchio e la barra vantino la medesima lunghezza. Altrimenti si può anche optare per una luce bagno pendente, che si sviluppa di lato. È chiaro che la combinazione tra specchio e una o varie lampade a sospensione è davvero interessante, visto che è in grado di garantire una luce avvolgente, che va ad arredare un po’ tutta la parete. Occhio, però, a prestare la massima attenzione nell’equilibrare la distanza e l’altezza in confronto al lavabo.